La società civile chiede punti fermi nella proposta dell’Unione Europea sull’Intelligenza Artificiale

Posted in News at 12.01.2021

Il Centro Hermes per la trasparenza e i diritti umani digitali ha firmato una lettera aperta insieme a EDRi e 60 associazioni della società civile dislocate in tutta Europa—e nel mondo—per ribadire l’urgenza di limiti e regolamenti all’introduzione di soluzioni di intelligenza artificiale che comprimono e violano i diritti umani.

Con la proposta sull’Intelligenza Artificiale che l’Unione Europea lancerà questo trimestre, l’Europa ha l’opportunità di dimostrare al mondo che la vera innovazione può nascere solo quando possiamo essere certi che tutte le persone saranno protette dalle violazioni più pericolose ed eclatanti dei nostri diritti fondamentali. Le industrie europee—dagli sviluppatori di IA alle aziende produttrici di automobili—trarranno grande beneficio dalla certezza normativa che deriva da chiari limiti legali e da condizioni di concorrenza eque.

È fondamentale che il regolamento di prossima introduzione affronti in modo inequivocabile diversi rischi: dalla sorveglianza biometrica di massa (che la campagna Reclaim Your Face sta già sottolineando) al monitoraggio degli spazi pubblici; il pericolo che queste tecnologie intensifichino la discriminazione strutturale, l’esclusione e i danni collettivi fino ad impedire l’accesso a servizi vitali come l’assistenza sanitaria e la sicurezza sociale; i rischi di vedersi impedito un accesso equo alla giustizia e ai diritti procedurali; la normalizzazione di sistemi che fanno inferenze e previsioni sulle nostre caratteristiche, comportamenti e pensieri più intimi; e, soprattutto, la manipolazione e il controllo del comportamento umano e le minacce associate alla dignità umana, all’autonomia e alla democrazia collettiva. 


Leggi la lettera aperta inviata da European Digital Rights e 60 associazioni della società civile (testo in Inglese).