Digital Whistleblowing Fund: Call for applications (Round 3)

The Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights and Renewable Freedom Foundation announce that the third round of The Digital Whistleblowing Fund is open for new applications from European anti-corruption projects working on environmental and public health issues.

The Digital Whistleblowing Fund is a micro-grant program that aims to enable investigative journalism groups and human rights grassroots organizations to receive financial, operational and strategic support in starting a secure digital whistleblowing initiative, as part of their social mission. Grants awarded to successful organizations are divided into micro grants up to €3.000 in financial support and tech and consultancy services to support the startup of their digital whistleblowing initiative.

The tech solution is based on GlobaLeaks, an open-source, free software developed by the Hermes Center to enable the easy creation of secure and anonymous whistleblowing platforms.

For this round, a specific jury composed of key individuals/organizations from the whistleblowing, environmental rights, public health, journalism, human rights activism and anti-corruption ecosystems will evaluate the received applications. This round of the Digital Whistleblowing Fund is supported by OSIFE.

Applications are open from June 22 to July 20.

Application Guide

Application Form

Supporting diverse initiatives in Europe through the use of secure whistleblowing platforms

Whistleblowing is considered among the most effective and powerful means to expose and  combat crime, corruption, and public health threats. In particular, digital whistleblowing is being more and more used to fight corruption, defend human rights and the environment, for civil rights activism and electoral integrity monitoring, as well as for permanent watchdog initiatives such as investigative journalism groups and independent media. Because digital whistleblowing is an enormously effective and adaptable tool for all of these initiatives, we seek to support and strengthen it in a coordinated, sustainable, and impactful effort.

The Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights (Hermes Center) has been developing GlobaLeaks open source whistleblowing project since 2012, at the time, defined as “the napster of whistleblowing”, with the goal to see support local media, anti-corruption and human rights initiatives to create secure and anonymous bi-directional communication channels with their sources.

The Digital Whistleblowing Fund is an experimental small-grant program by the Hermes Center and Renewable Freedom Foundation (RFF) that enables investigative journalism groups and human rights grassroots organizations to apply to receive financial, operational and strategic support in starting a secure digital whistleblowing initiative, as part of their social mission. Digital Whistleblowing Fund has been supported by the Open Society Initiative for Europe (OSIFE) in its first call for applications meant for projects operating within Europe.

Grassroots organizations that set up digital whistleblowing projects include investigative journalists and groups, human rights and environmental activists, anti-corruption groups, media and free speech activists, and many more. However, they are often underfunded and lack the specific and mixed set of skills in essential areas to successfully run a whistleblowing initiative: strategic, organizational, legal, IT, and security.

The Digital Whistleblowing Fund has been running following thematic rounds including anti-corruption, gender-based violence, the rights of minorities, migrants, and refugees. For each round, the selected Jury members are experts stakeholders in the fields we are addressing.

Today we would like to highlight five among the winning projects that are now up and running. They are diverse initiatives from different grassroots organizations in Europe dedicated to countering corruption and fighting against human rights violations through investigation, legal action, practical support and research.

 

 

1 – IrpiLeaks

Site: http://ufwb2nvrbad2tx5j.onion (accessible via Tor Browser)

IrpiLeaks is the whistleblowing platform of the Investigative Reporting Project Italy (IRPI), the first transnational center of investigative journalism in Italy, which has decided to launch an investigative journalism endeavor for their online magazine IrpiMedia aimed at collecting anonymous leaks from whistleblowers. IrpiMedia team investigates wrongdoings in the sector of public administration, rigged procurements, scams, frauds, corruption, environmental crimes, and organized crime networks and related activities?

The fund allowed IrpiMedia – an online magazine focused on organized crime and corruption related issues – to both implement a modern and up-to-date whistleblowing platform and to have the needed human resources to manage it. We believe both conditions – that were met also thanks to the funding – are an essential part of a modern newspaper. Since the funding, IrpiLeaks has received more than 20 submissions, 3 of them resulted in a publication on IrpiMedia.”

Lorenzo Bodrero, Co-founder of IRPI

 

2 – Lost in Europe

Site: https://tip.lostineurope.org

Lost in Europe in a cross-border investigative reporting project focused on the issue of unaccompanied child migrants, one of the most pressing issues in the migrant crisis. The goal of Lost in Europe is to recover the stories of these missing children. It comprises a team of investigative journalists from the Netherlands, Belgium, Italy and the UK, who are collaborating to find out what has happened to the disappeared children in Europe.

 

3 – Tracking Exposed

Site: http://cx4al2hxqtf4swuv4kewdeqgixwsmfmzkel5otw5ef33xkdkxh3cs7id.onion

(accessible via Tor Browser)

Tracking Exposed is a tech and human rights initiative that aims to expose how tracking and profiling from user data has a negative impact on society so that proper political and civil actions can be taken. With the support of the Digital Whistleblowing Fund, they launched “Surveillance Capitalism Tracking Exposed”, a secure whistleblowing platform to receive reports on wrongdoings regarding data uses and breaches in connection with bias and discrimination, influencing elections, workplace whistleblower retaliation and any cases where data is released, stolen, breached, used in unfair competition, and bought and sold on markets, all with adverse effects on individuals and society.

 

 

4 – Transparency International France

Site: https://signalement-corruption.transparency-france.org

Transparency International France is the French branch of Transparency International, an NGO operating in over 120 countries and the leading civil society organization in the fight against corruption. They created the first hotline dedicated to victims and witnesses of corruption in 2014 and co-founded along with 16 other organizations, La Maison des Lanceurs d’Alertes (House of Whistleblowers). More than 1000 citizens have contacted their Advocacy & Legal Advice Centre (ALAC) since its creation, and 768 reported cases, some of which led to legal action. Thanks to the Digital Whistleblowing Fund, TI-France in collaboration with Nothing2Hide launched its secure GlobaLeaks-based whistleblowing platform in order to receive highly sensitive documents from victims and witnesses.

Promotional video

 

 

5 – Transparency International Ireland

Site: https://helpline.speakup.ie

Transparency International Ireland is the Irish chapter of the worldwide movement against corruption. It was founded in 2004 and is part of the only global organization dedicated to stopping corruption worldwide. TI Ireland has operated the Speak Up Helpline since 2011 and supported over 1,000 people since then. The helpline offers free advice to people on how to report wrongdoing and also channels whistleblowers to the Transparency Legal Advice Centre (TLAC) for legal advice on whistleblowing. Ti-Ireland applied for the Digital Whistleblowing Fund to seek support in implementing a secure bi-directional platform without having to become proficient in the use of encryption.

We were very fortunate to succeed in a small grant application with the Digital Whistleblowers Fund. The support provided by the Hermes Centre in setting up our Globaleaks whistleblowing platform was instrumental. They are patient and understanding, and are happy to help out and explain things where you might not have the technical expertise to understand the finer details. Their help and support throughout this project means that all whistleblowers can easily contact our organisation securely, even where they don’t have the technical know-how to use PGP-encryption themselves.”

Donncha Ó Giobúin, Speak Up Helpline Coordinator

Whistleblowing: un impegno comune per recepire e applicare la Direttiva europea. Importante tutelare anche chi sta attorno ai segnalanti, e cioè i media e la società civile

Al via la prima tavola di confronto multistakeholder organizzata da The Good Lobby sul recepimento della direttiva per proteggere chi segnala illeciti sul lavoro

Roma, 12 febbraio 2020 – Si è tenuta ieri la prima tavola di confronto dedicata al recepimento della direttiva sulla protezione delle persone che segnalano violazioni di leggi dell’Unione (2019/1937/UE) organizzata da The Good Lobby – associazione impegnata a rendere più equa, inclusiva e democratica la nostra società in Italia e in Europa attraverso la promozione della partecipazione civica ai processi decisionali.

Erano presenti all’incontro i principali stakeholder nazionali attivi sul tema del whistleblowing, con l’obiettivo di condividere con Governo e Parlamento le loro posizioni sugli elementi di novità e le priorità che la nuova legge di recepimento dovrà contenere, anticipando così le prossime audizioni parlamentari in materia.

La direttiva, che supera in molte previsioni la legislazione italiana corrente (l. 179/2017), è stata approvata dal Parlamento e dal Consiglio dell’Unione Europea il 23 ottobre 2019 e dovrà essere recepita dagli Stati membri, Italia compresa, entro dicembre 2021.

The Good Lobby ha organizzato questo momento di confronto perché ritiene fondamentale avviare da subito un dialogo aperto sul tema, attraverso una discussione trasparente e partecipata in grado di coinvolgere più voci, fra cui quelle della società civile. Il recepimento è infatti un’occasione unica per migliorare la legge italiana in molti punti essenziali.

I rappresentanti istituzionali presenti sono stati: Francesca Businarolo (Presidente Commissione Giustizia della Camera), Franco Mirabelli (membro Commissione Giustizia del Senato) e Maria Casola (Capo del Dipartimento per gli affari di giustizia del Ministero della Giustizia). Ha partecipato ai lavori Nicoletta Parisi consigliera di Anac.

I presenti, oltre a Priscilla Robledo e Federico Anghelé di The Good Lobby, sono stati: Alessia Bausano (Confindustria), Giorgio Fraschini (Transparency International Italia), Yvette Agostini (Hermes center for digital human rights), prof Gustavo Piga (Università di Roma Tor Vergata), l’avv. Alberto Maggi, esperto di problematiche lavoristiche e sindacali, managing partner dello studio Legance Avvocati Associati, il giornalista statunitense Tom Mueller (autore del libro Crisis of conscience uscito a ottobre 2019, ancora inedito in Italia) e l’avv. Giovanni Carotenuto, presidente dell’Associazione Pro Bono Italia.

All’incontro sono state anche invitate le rappresentanze sindacali di CGIL, CISL, UIL e FABI, nonché il Ministero del lavoro che hanno però declinato l’invito. L’incontro è stato ospitato presso lo studio Legance – Avvocati Associati in quanto membro dell’associazione Pro Bono Italia. All’incontro ha partecipato anche il presidente di Pro Bono Italia, avv. Giovanni Carotenuto.

Secondo Priscilla Robledo di The Good Lobby, “la direttiva offre degli standard minimi di protezione comuni a tutta l’Unione; per alcuni stati si tratterà di introdurre ex novo una legge, ma per l’Italia è un’occasione d’oro per migliorare l’attuale legislazione sul whistleblowing. E’ per questo motivo che abbiamo voluto iniziare fin da subito a lavorare sul testo.” The Good Lobby ha concentrato i suoi interventi sull’estensione delle tutele della direttiva alla legge nazionale, e più in generale a segnalazioni che minacciano qualsiasi interesse pubblico,  con l’inclusione del settore della difesa nazionale e delle informazioni classificate; sull’introduzione di obblighi di fornire canali di segnalazione anche ad enti locali con meno di 50 dipendenti o comuni con meno di 10mila abitanti; sulla necessità di prendere in carico segnalazioni anonime, e di prevedere espressamente la tutela della protezione del whistleblower come prevalente su quella del segreto industriale. “Noi riteniamo il whistleblower un fondamentale presidio di legalità nelle aziende e negli enti pubblici. Per questo serve formare manager e dirigenti pubblici per far capire loro che proteggendo i whistleblower si salvaguardano gli interessi della collettività, ma anche quelli del loro datore di lavoro” ha aggiunto Federico Anghelé, direttore di The Good Lobby in Italia.

ANAC, rappresentato dalla consigliera Nicoletta Parisi e dalla dott.ssa Laura Valli, ha evidenziato alcune criticità emerse dall’applicazione della legge 179. Tra esse, la necessità di un miglior coordinamento tra le istituzioni che si occupano di whistleblowing, la previsione di incentivi di tipo reputazionale a favore dei whistleblower, la difficile applicazione della legge quando la segnalazione evidenzia solo il rischio di condotte di disvalore giuridico e non anche la loro commissione, la carenza di “accompagnamento” del segnalante lungo l’intero processo che lo coinvolge e l’importanza del monitoraggio da parte delle istituzioni preposte all’istituto a fini di una migliore applicazione della legge stessa. ANAC ha anche auspicato che il lavoro di trasposizione della Direttiva sia ispirato ai principi cardine della stessa, come la “oggettivazione” delle segnalazioni (ciò che conta sono gli illeciti riportati, non le motivazioni del whistleblower) e la considerazione dell’istituto come espressione del diritto alla libera espressione del pensiero e all’informazione.

L’avv. Alberto Maggi di Legance – Avvocati Associati, sottolinea l’opportunità, in considerazione della complessità della materia e della necessità di perseguire obiettivi di lungo termine in un’ottica di diffusione di una cultura di prevenzione, di adottare ove possibile un approccio graduale che poggi su un solido sistema di interazione e confronto tra i soggetti a vario titolo coinvolti e di meticolosa raccolta dati.

Rileva altresì l’importanza della formazione, del supporto al segnalante e del presidio rigoroso dell’anonimato come fattori chiave per il conseguimento degli obiettivi della direttiva.

Secondo Confindustria, è fondamentale incoraggiare concretamente l’utilizzo degli strumenti interni di denuncia prima di ricorrere a quelli esterni e stabilire sanzioni efficaci per dissuadere il segnalante da divulgazioni false, soprattutto attraverso i mezzi pubblici. Sugli obblighi per il settore privato auspica che non vengano imposti obblighi alle imprese sotto la soglia dei 50 dipendenti, ma eventualmente solo incentivi per l’adeguamento volontario. E’ opportuno, infine, un approfondimento specifico sulla tutela del segnalato per evitare conseguenze pregiudizievoli anche di carattere reputazionale.

Transparency International Italia ritiene che la trasposizione della Direttiva sia un’opportunità per rispondere ad alcune criticità e mancanze della legge 179/2017. Si auspica particolare attenzione affinché tutti gli aspetti siano considerati, in particolare la tutela della riservatezza dei whistleblower, un’estensione delle protezioni, una miglior definizione dei requisiti oggettivi e soggettivi e, non da ultima, la previsione di sanzioni efficaci e proporzionati in caso di violazioni di tutte le parti coinvolte.

Secondo l’Università di Roma Tor Vergata, all’intervento normativo occorre accompagnare politiche educative, di promozione culturale e sociale per rendere lo strumento realmente efficace, senza dimenticare di esaltare l’aspetto della leadership e del buon esempio del leader.

Hermes Center auspica che venga incoraggiata l’adozione di strumenti informatizzati a sorgente aperta che, by design e by default, tutelano i livelli di riservatezza connessi con la raccolta e il trattamento delle segnalazioni, anche anonime. L’adozione del software libero rispetta inoltre la regola sul riuso del software nella Pubblica amministrazione e consente di conseguire minori costi di implementazione.

Secondo Tom Mueller, “negli Stati Uniti si parla del rapporto tra whistleblower e giornalista d’inchiesta già da più di mezzo secolo. Eppure rimane una ‘partnership’ delicata, spesso presa di mira sia dai governi che dalle aziende. A maggior ragione, sono contento che si cominci ora in Italia ad esaminare questa dinamica, così essenziale per una stampa libera ed un pubblico ben informato.”

L’onorevole Francesca Businarolo ha dichiarato che il percorso per l’approvazione della legge italiana è stato positivo e ha menzionato il fondamentale appoggio di Anac e del suo ex presidente Cantone nel corso dei lavori. Ha espresso soddisfazione per la legge italiana, ma altrettanta per i contenuti della direttiva, che ha giudicato molto positivi e inclusivi.

L’onorevole Mirabelli ha dichiarato che “corruzione e reati contro la pubblica amministrazione vanno contrastati prima di tutto con la prevenzione dei reati e il whistleblowing è uno strumento in questa chiave importante.”

Il Ministro della Giustizia, che ha avviato le attività finalizzate alla trasposizione della direttiva, ha espresso apprezzamento per eventi, quale quello odierno che, attraverso il dialogo e l’ascolto di tutti gli stakeholder e dei rappresentanti della società civile, possono contribuire a raggiungere efficaci risultati regolativi, di sintesi ed equilibrio.

Secondo Giovanni Carotenuto di Pro Bono Italia, “è fondamentale stimolare per tempo un dialogo serio e competente tra le istituzioni, le professioni e, in più in generale, la società civile organizzata per giungere alla formulazione di una normativa che segni un reale cambio di passo nell’approccio stesso alla partecipazione – da parte dei soggetti interessati – alla vita di società, enti ed organizzazioni di appartenenza. È, peraltro, pienamente in linea con il nostro scopo di promuovere il volontariato professionale in Italia, per la realizzazione concreta della funzione sociale dell’avvocatura.”

Molte sono state le voci che si sono levate a favore di un cambiamento culturale, e non solo legislativo. Tutti i presenti hanno insistito sull’importanza della formazione: sia dei cittadini e lavoratori segnalanti, sia di chi riceve la segnalazione e deve indagarla guadagnandosi la fiducia del segnalante. Solo con una buona dose di fiducia nello strumento, esso può essere veramente efficace.

I presenti hanno convenuto che la legge italiana è comunque una buona base di partenza, soprattutto alla luce del fatto che due terzi dei paesi europei non hanno alcuna legislazione in materia. The Good Lobby Italia, con il fondamentale aiuto di Pro Bono Italia, continuerà a presidiare i lavori di recepimento mediante il confronto costante e il coinvolgimento attivo di tutti gli stakeholders coinvolti.

 

Caso Regeni: GlobaLeaks è il software anonimo utilizzato nell’inchiesta di Repubblica

In seguito a un’espressa richiesta della famiglia di Giulio Regeni, il ricercatore rapito e ucciso nel 2016 dai servizi segreti egiziani, Repubblica ha lanciato RegeniFiles, progetto d’inchiesta basato sulla tecnologia GlobaLeaks. Dopo 46 mesi di silenzi e tentativi di depistaggio, i genitori hanno deciso di mettere a disposizione di chi sa ma non ha ancora avuto il coraggio di parlare, un canale anonimo e sicuro per la segnalazione di fatti collegati all’omicidio, proteggendo la segretezza delle informazioni e l’identità della fonte. 

Schermata iniziale della piattaforma RegeniFiles

Disponibile in tre lingue (italiano, inglese e arabo) RegeniFiles è sviluppata grazie al software anonimo e sicuro GlobaLeaks, creato dal Centro Hermes con lo scopo di fornire protezione ai whistleblower e facilitare la denuncia di violazioni o illeciti. 

Per il corretto utilizzo della piattaforma, soprattutto in contesti quali la violazione di diritti umani in Paesi non democratici, è sempre necessario porre attenzione al luogo dal quale si accede: come precisato anche da Repubblica, è sconsigliato l’utilizzo di postazioni di lavoro, pubbliche o che potrebbero essere sorvegliate. In questo caso la piattaforma è raggiungibile unicamente tramite browser Tor, il quale impedisce di conoscere l’effettiva provenienza della connessione. Una volta terminata la segnalazione, RegeniFiles crea automaticamente un codice di 16 cifre, grazie al quale è possibile accedere nuovamente alla segnalazione inoltrata e ai contenuti allegati, oltre che a comunicare con i legali della famiglia Regeni. 

In merito, La Repubblica fornisce dettagliate istruzioni di accesso in italiano, inglese e in arabo

Il software GlobaLeaks è utilizzato per la segnalazione di violazioni di diritti umani e crimini di guerra anche dalla Corte Penale Internazionale in Repubblica Centrale Africana. 


Il progetto EAT è realtà! 10 paesi europei avranno una piattaforma sicura e anonima per il whistleblowing basata su GlobaLeaks


È da pochi giorni online il sito del progetto E.A.T (Expanding Anonymous Tipping) del quale Centro Hermes è partner insieme ad altre nove organizzazioni. Attraverso l’utilizzo del software GlobaLeaks il progetto ha lo scopo di creare, nel corso del prossimo biennio, 275 piattaforme di whistleblowing in 10 stati membri dell’Unione Europea e favorire una maggiore protezione dell’anonimato dei whistleblower che segnalano un caso di corruzione o un illecito. Gli stati scelti per il progetto risultano avere un punteggio basso secondo il CPI (Corruption Perception Index) indice stilato ogni anno da Transparency International, organizzazione leader per la prevenzione e il contrasto della corruzione. 


Come funziona

EAT permette al whistleblower di scegliere fra tre differenti modalità di inoltro delle segnalazioni, che prevedono un diverso coinvolgimento dei partner di progetto. In ognuna di queste Centro Hermes registrerà alcuni tipi di metadata (a fini di ricerca, valutazione e creazione di statistiche), che saranno successivamente analizzati da Blueprint for Free Speech

Nel modello A il whistleblower potrà inoltrare la segnalazione ad uno specifico ente pubblico o privato. In questo caso la piattaforma di whistleblowing è tradizionalmente intesa: il processo vede come attori un segnalante e un ricevente.

Credits: https://eatproject.eu/submission-models/

Nel caso in cui il whistleblower volesse inoltrare la sua segnalazione specificatamente ad un ufficio dell’ente pubblico o privato, potrà utilizzare invece il modello B. Optando per questa modalità è possibile notificare la presenza di una segnalazione (ma non del suo contenuto) anche ai partner di progetto locali: per la Repubblica Ceca e la Slovacchia Oživení, per la Spagna Fibgar, in Italia e Malta The Good Lobby, per la Grecia il capitolo nazionale di Transparency International, e per Croazia e Bulgaria il Media Development Center

In questo modo le organizzazioni non governative potranno svolgere il ruolo di watchdog nei confronti di enti pubblici o privati.

Credits: https://eatproject.eu/submission-models/

Il modello C, invece, è comprensivo dei primi due e fornisce anche un canale esterno e parallelo deputato ad un media (con particolari funzioni amministrative all’interno della piattaforma). Le informazioni inoltrate dal whistleblower saranno dunque inoltrate sia all’ente pubblico o privato in oggetto, sia ad un giornalista o un operatore dell’informazione. 

Credits: https://eatproject.eu/submission-models/

Per tutti gli attori coinvolti nel processo di segnalazione è importante comprendere che, oltre alla verifica delle informazioni ricevute, è giusto porre attenzione al rischio sociale che accompagna il segnalante nel favorire l’emersione di condotte illecite. In questo Handbook sono contenute informazioni utili sia per chi riceverà una segnalazione, sia per coloro che decideranno di condividere informazioni sensibili. 

Al passo con la Direttiva Europea a tutela dei whistleblower, recentemente adottata

Il progetto EAT nasce tenendo conto del framework legale europeo e, nello specifico, della nuova Direttiva Europea a tutela dei whistleblower, adottata il 7 ottobre dal Consiglio Europeo. Ora gli stati membri hanno due anni di tempo per adattare le proprie leggi nazionali oppure, per chi ne fosse ancora sprovvisto, introdurre tutele a protezione dei whistleblower conformi agli standard e alle pratiche internazionali. In questo contesto legislativo è richiesta l’implementazione di un sistema per la ricezione e la gestione di segnalazioni da parte di enti pubblici o privati, proprio ciò che il progetto EAT ha iniziato a fare in 10 paesi europei.

Il software GlobaLeaks festeggia il primo anno a supporto del whistleblowing anonimo nella PA

Esattamente un anno fa GlobaLeaks è diventato il software delle Pubbliche Amministrazioni italiane.

Grazie al nostro software, ad oggi sono 487 gli enti pubblici che offrono ai loro dipendenti e collaboratori una piattaforma anonima e sicura, volta a favorire coloro che rompono il silenzio e denunciano irregolarità o malpratiche sul posto di lavoro. Oltre a fornire il software e mantenerlo aggiornato, offriamo anche un forum di assistenza e discussione per rispondere alle richieste di supporto in caso di problematiche tecniche o giuridiche. Il forum è ciò che concretizza un metodo collaborativo e condiviso volto alla creazione di conoscenza aperta sul tema del whistleblowing digitale in Italia.


Insieme a Transparency Italia, il 1° ottobre 2018, abbiamo infatti lanciato il progetto WhistleblowingPA: un sistema gratuito per la gestione delle segnalazioni di corruzione all’interno delle amministrazioni pubbliche. 

Perché aderire a WhistleblowingPA?

Innanzitutto perché, basandosi su GlobaLeaks, la piattaforma del proprio ente sarà sicura e anonima. Il segnalante potrà mantenere riservata la sua identità così come il contenuto della segnalazione che inoltrerà al Responsabile per la Prevenzione della Corruzione. Una volta iscritto a WhistleblowingPA, qualsiasi ente può avere la propria piattaforma informatica gratuita e gestire così le segnalazioni che vi arriveranno. La piattaforma ha un’interfaccia semplice ed è creata per accompagnare il segnalante durante tutto il delicato processo di segnalazione. Una volta testata la piattaforma in versione gratuita, è possibile poi – per necessità proprie dell’ente – personalizzarne alcuni aspetti, contribuendo economicamente allo sviluppo del progetto.

Fra gli enti che vi hanno aderito finora numerose sono le aziende sanitarie, i comuni (di media, grande o piccola entità), le università e gli ordini professionali su tutto il territorio nazionale.


Prossimi passi nella protezione dei whistleblower

La creazione di WhistleblowingPA nasce quasi un anno dopo l’approvazione e l’entrata in vigore della legge n. 179/2017, normativa che disciplina la pratica del whistleblowing in Italia e garantisce ai segnalanti di enti pubblici (e privati) la riservatezza della loro identità e del contenuto della loro segnalazione.

Nei prossimi mesi ci aspetteranno però alcuni cambiamenti, discussi anche alla prima conferenza WIN a Glasgow: in primis la Direttiva Europea sul whistleblowing, che garantirà ai segnalanti di tutta l’Unione più tutele e fornirà maggiore certezza giuridica in merito a obblighi e diritti sia nel settore pubblico che privato; e le Linee Guida ANAC, che forniranno una interpretazione della legge volta a semplificarne l’applicazione.

Speriamo che queste novità possano sempre di più sottolineare il ruolo essenziale che i whistleblower hanno all’interno della società, e soprattutto che tecnologie anonime e sicure come GlobaLeaks si diffondano per favorire l’emergere di casi di corruzione e illeciti che minacciano l’interesse pubblico.

Conferenza WIN sul whistleblowing: quali best practice per la protezione dei segnalanti?

L’11 e il 12 settembre si è tenuta a Glasgow la prima conferenza del Whistleblowing International Network, di cui il Centro Hermes è membro. Lo scopo dell’incontro era, per ogni organizzazione, quello di entrare in contatto con le abilità e il lavoro di altre realtà – per la maggior parte a salvaguardia dell’ecosistema e di coloro che denunciano irregolarità –  così da instaurare collaborazioni anche oltre i confini nazionali. È stato un evento molto utile e stimolante per la condivisione di conoscenze e la creazione di nuove strategie utili al nostro lavoro a protezione dei whistleblower. Oltre alle organizzazioni appartenenti al network, molti i giornalisti e i ricercatori che hanno partecipato ai tavoli di lavoro e ai workshop. 

Come Centro Hermes abbiamo presentato il software open source GlobaLeaks. piattaforma sicura e anonima per praticare il whistleblowing digitale (slide di presentazione qui), fornendo alcuni casi d’uso specifici e progetti andati in porto negli ultimi anni. All’interno del workshop “Using GlobaLeaks” è stato possibile presentare e far conoscere a più di venti partecipanti da tutto il mondo il funzionamento pratico di GlobaLeaks: caratteristiche della piattaforma, casi d’uso, interfaccia grafica.


In attesa della Direttiva Europea 

La normativa europea a protezione dei whistleblower è stato un punto centrale della conferenza: la sua adozione, fra ottobre e novembre, sarà un successo in questo contesto e definirà uno standard minimo di protezione in tutti i 27 (o 28) Stati membri dell’Unione. Starà poi a questi ultimi il recepimento della direttiva e l’adeguamento al contesto nazionale. In Italia, intanto, è già in vigore la legge 179/2017 normativa che ha cominciato a rendere conto all’opinione pubblica della figura del segnalante in ambito sia pubblico che privato, così come della necessità di agire affinchè possa essere tutelato dopo la sua segnalazione (soprattutto nella sua identità). 

Nessuno nasce whistleblower

Alla conferenza è stato possibile ascoltare anche la voce di alcuni whistleblower presenti, come Yasmine Motarjemi (che aveva segnalato le violazioni alimentari di Nestlè) e Antoine Deltour. Quest’ultimo, informatore di LuxLeaks, ha sottolineato l’importanza di creare gruppi di supporto per i segnalanti, spesso ritenuti traditori e isolati da colleghi e superiori e dalla società. Le ONG, così come gruppi informali, possono fornire un aiuto economico e morale importante al segnalante, indirettamente aumentando la reputazione della pratica in sè. 

Ciò perchè nessuno nasce whistleblower: alcune persone si ritrovano ad essere vittime o testimoni di irregolarità e decidono di non rimanere in silenzio. Quanto possano andare lontano dipende dal contesto nel quale si trovano e dall’aiuto che riescono ad ottenere. 

Whistleblowing e giornalismo investigativo

A quanto detto si ricollega un ulteriore aspetto rilevante, emerso in alcuni dibattiti: ovvero quello relativo alla connessione fra giornalisti e fonti di informazioni anonime, e al potere dei primi di far emergere e amplificare la voce di coloro che denunciano irregolarità e corruzione. In questo senso è necessario che soprattutto i giornalisti investigativi abbiano conoscenze nel campo della sicurezza digitale e nell’utilizzo di tecnologie anonime sicure per prevenire la disseminazione di informazioni sensibili, e favorire un dialogo sicuro con le fonti (anche attraverso piattaforme sicure, anonime e open source come GlobaLeaks). 

Le azioni del whistleblower, che decide spontaneamente di rendere note alcune informazioni riguardanti pratiche scorrette o illeciti e dunque esporre la sua stessa vita, hanno infatti potenziali ricadute anche in un momento successivo rispetto alla diffusione di materiale compromettente. Per questo motivo si è sottolineata la necessità, per i giornalisti, di considerare non solo le informazioni fornite bensì anche la sicurezza della fonte coinvolta.  


Digital Whistleblowing Fund: New Grant Program To Support Whistleblowing Initiatives

The Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights and Renewable Freedom Foundation announce the launch of The Digital Whistleblowing Fund, a micro-grant program that aims to enable investigative journalism groups and human rights grassroots organizations to receive financial, operational and strategic support in starting a secure digital whistleblowing initiative, as part of their social mission.

Digital Whistleblowing fund is supported by OSIFE in its first call for application meant for projects operating within Europe.

Grants awarded to successful organizations will be divided into micro grants up to €3.000 in financial support and tech and consultancy services to support the startup of their digital whistleblowing initiative. Services provided include platform setup, configuration and customization assistance, training and strategic advisory service for the whistleblowing project design and setup.

The tech solution is based on GlobaLeaks, an open-source, free software developed by the Hermes Center to enable the easy creation of secure and anonymous whistleblowing platforms.

A selection committee composed of key individuals/organizations from the whistleblowing, journalism, activism, anti-corruption and hacking ecosystems will evaluate the received applications.

The Digital Whistleblowing Fund will run periodical thematic calls. The theme of the first round is “Anti-corruption Activism”. Applications will be open from 15th November to 31st December.

Donors and funders can partner with Digital Whistleblowing Fund to startup specific funding calls, being geographical (e.g. East Asia, MENA) or thematic (investigative journalism, reporting on human rights violations).

Application Guide

Application Form

Contact

15 novembre 2018: un anno dall’approvazione della legge sul whistleblowing in Italia

E’ passato un anno dal 15 novembre 2017, data nella quale è stata finalmente approvata la legge sul whistleblowing (n. 179/2017) a tutela di coloro che decidono di segnalare un caso di corruzione sul posto di lavoro.

Il software GlobaLeaks, libero ed open source, è sin dal 2014 utilizzato nel progetto ALAC – Allerta Anticorruzione di Transparency International Italia, al fianco dei whistleblower italiani e a contrasto dei fenomeni corruttivi di cui questi ultimi possono essere vittime o testimoni.

WhistleblowingPA

Dal 1° ottobre 2018, in collaborazione con Transparency International Italia, il Centro Hermes ha lanciato la piattaforma WhistleblowingPA, creata appositamente per facilitare l’iniziativa di whistleblowing all’interno della Pubblica Amministrazione.

Il questionario a disposizione delle PA è appositamente studiato per il contrasto alle attività corruttive, ed è conforme alla normativa n. 179/2017 legge che disciplina il whistleblowing in Italia.

 

Attiva gratuitamente il sito di whistleblowing per il tuo ente su https://www.whistleblowing.it e partecipa alla comunità di Responsabili per la Prevenzione della Corruzione (RPC) sul Forum https://forum.whistleblowing.it.

 

Perchè utilizzare un software in riuso e open source?

Il rapporto tra GlobaLeaks e Transparency Italia

Il software libero e open source GlobaLeaks fornito gratuitamente agli enti pubblici: nasce WhistleblowingPA

Il Centro Hermes lancia oggi insieme a Transparency International Italia la piattaforma WhistleblowingPA, un’iniziativa che permette a tutti gli enti pubblici, controllati e partecipati dallo stato, di dotarsi di un sistema digitale per la gestione delle segnalazioni di corruzione.

Grazie a WhistleblowingPA le amministrazioni italiane potranno facilmente, e a costo zero, aiutare i Responsabili per la Prevenzione della Corruzione (RPC) ad adempiere agli obblighi di legge. Con la legge in tema di whistleblowing (l. 179/2017) si introducevano infatti alcuni obblighi importanti, fra i quali “l’utilizzo di modalità anche informatiche che promuovono il ricorso a strumenti di crittografia per garantire la riservatezza dell’identità del segnalante e per il contenuto delle segnalazioni e della relativa documentazione”.

Anonimato tecnologico

Dal 2011 GlobaLeaks permette ai whistleblower di comunicare anonimamente, in base al caso d’uso, con lo scopo di promuovere e sviluppare all’interno della società la coscienza e l’attenzione in merito a trasparenza, protezione dei whistleblower e accountability delle amministrazioni pubbliche. Ciò significa anonimizzare il contenuto della segnalazione, ma anche l’indirizzo IP di coloro che segnalano: per questo GlobaLeaks utilizza la end-to-end encryption di Tor e permette di allegare file alla piattaforma attraverso PGP encryption.