Data Retention: Hermes Center si unisce ad oltre 60 ONG nell’invio di denunce contro la conservazione illegale di dati

Posted in News at 25.06.2018

Denunce massive contro la conservazione illegale di dati

 

Il 25 giugno 2018, il centro Hermes si è unito a oltre sessanta ONG, reti comunitarie, accademici e attivisti nell’invio di una lettera aperta congiunta alla Commissione europea, insieme a varie denunce contro la politica di conservazione dei dati degli Stati membri dell’UE.

 

Qual è il rischio?
La “conservazione generalizzata dei dati” si riferisce all’obbligo per i fornitori di servizi di telecomunicazione (telefono e servizi Internet) di conservare i dati sul traffico (numeri chiamati, indirizzi IP, dati di posizione, identità) di tutti i loro utenti per diversi mesi o anni (a seconda di ogni legge nazionale). Tale conservazione si applica a tutti gli utenti, comprese le persone che non sono sospettate di alcun crimine o illecito.

Diciassette Stati all’interno dell’Unione europea prevedono tale conservazione generalizzata dei dati.

In Italia ci troviamo di fronte alla conservazione indiscriminata di tali dati per la durata di 6 anni.

 

In che modo contrasta con il diritto dell’Unione europea?
La Corte di giustizia dell’Unione europea ha chiaramente stabilito che una conservazione dei dati così generale e indiscriminata è contraria al diritto alla privacy, alla protezione dei dati personali nonché alla libertà di parola e di informazione, tutelati dalla Carta UE di diritti fondamentali.

Secondo la Corte, tali misure di sorveglianza di massa non sono accettabili.

 

Qual è il nostro obiettivo?
La legge europea non è solo più favorevole per i nostri diritti e le nostre libertà: supera anche le leggi nazionali. Vogliamo che venga applicata affinché i 17 Stati membri che attualmente violano il diritto dell’UE debbano cambiare le loro politiche.

A tal fine, Hermes Center si è unita alle altre organizzazioni nell’inviare le denunce alla Commissione europea. In questo modo, invitiamo la Commissione a indagare e, eventualmente, a portare questi Stati davanti alla Corte di giustizia. In questo modo, ognuno di essi può essere sanzionato per la sua violazione del diritto dell’UE. Per presentare la nostra azione, alleghiamo a tali denunce una lettera aperta comune sostenuta da più di 60 firmatari in 19 Stati membri, che sarà anche inviata alla Commissione europea.

 

 

Come puoi aiutare?
Anche tu puoi inviare un reclamo alla Commissione europea! Devi solo inserire le informazioni di contatto nel modello per il tuo paese e inviarlo a questo indirizzo: [email protected]

Fare ciò non è rischioso ed è anche gratuito. Questa procedura di reclamo è accessibile a tutti.