La Stampa, E’ nato Globaleaks.org un nuovo sito per creare tanti Wikileaks a costo zero

Posted in News Press at 06.09.2011

E’ nato Globaleaks.org un nuovo sito per creare tanti Wikileaks a costo zero
Dopo Openleaks arriva questo software open source per divulgare rivelazioni testato da poco da un gruppo di hacker italiani

Un amico hacker mi ha girato una mail che annuncia il rilascio della demo con il prototipo di GlobaLeaks.

Invita tutti a dargli un’occhiata e provarlo con un amministratore di nodo, una fonte riservata e un obiettivo ricevente.

La demo è qui: http://demo.globaleaks.org/

GlobaLeaks si autodefinisce come “la prima struttura aperta (“open source”) per la pratica di rivelazioni di notizie e documenti riservati o legali (definita già con Wikileaks “whistleblowing”, che in inglese significa letteralmente “usare il fischietto” ma è un’espressione idiomatica che significa “fare una soffiata”). La differenza con Wikileaks sta appunto nel suo codice sorgente aperto. Evidentemente è un’alternativa a Openleaks, fondato in Germania da una costola di Wikileaks, che – nonostante il nome fuorviante – non è propriamente “open source”.

Chiunque, recita la mail, potrà così mettere in piedi e gestirsi la propria piattaforma di rivelazioni alla Wikileaks. Non solo: offre anche una collezione delle “best practices” per chi voglia ricevere o sottoporre documenti nel modo migliore collaudato. GlobaLeaks punta a funzionare in tutti gli ambienti: media, attivismo, aziende, enti pubblici.

Per saperne di più: http://www.globaleaks.org/news/

GlobaLeaks è stato testato “da oltre 50 hacker veneziani ubriachi”, annuncia con tono divertito la mail, e include il link a una presentazione che è stata data all’hacker camp italiano ESC: http://www.slideshare.net/globaleaks/globaleaks-live-launch-venice-2011

Ma il progetto è internazionale, perchè il team è composto da persone provenienti nono solo dall’Italia, ma anche dall’Egitto, Germania, Stati Uniti, Francia e Taiwan.

Per chi volesse unirsi all’esperimento, l’appuntamento online è qui:
http://www.launchpad.net/globaleaks/

Read the original article here.