Il filtro internet europeo distruggerà la tua libertà di espressione: serve il tuo intervento!

Posted in News at 19.06.2018

I legislatori europei stanno lavorando per imporre il più grande filtro internet mai visto. Un algoritmo deciderà quali dei tuoi upload saranno visibili al resto del mondo e quali no. È in questo modo che il filtro internet ti priverà della tua libertà di espressione.

 

I filtri non funzionano

Innanzi tutto: i filtri funzionano veramente male nel riconoscere i contenuti. Ci sono tantissimi esempi: il materiale scolastico di un insegnante che è stato bloccato, le immagini dell’atterraggio su Marte della NASA che sono state inavvertitamente messe nella blacklist, o le decine di migliaia di video che documentano crimini di guerra in Siria che sono stati cancellati dal filtro di YouTube. I filtri automatici filtrano sia troppo, bloccando contenuti che sarebbero dovuti passare, che troppo poco, lasciando passare ciò che dovrebbe essere bloccato.

 

Non puoi combattere le violazioni del copyright con i filtri automatici

I filtri internet sono stati proposti per contrastare le violazioni del copyright. Ma il copyright è troppo complesso per un tipo di soluzione così semplicistica. Per esempio: talvolta è perfettamente legale usare materiale protetto da copyright in una citazione o in una parodia. E a volte no. Spesso non è per nulla chiaro se qualcosa è permesso o meno, e il caso deve essere valutato in tribunale in modo che un giudice possa decidere. Nessuno vorrebbe affidare questo tipo di problemi a un filtro automatico.

 

I filtri sono soggetti a deriva delle funzionalità

Nel lungo termine non sarà più solo una questione di copyright. Se si lascerà decidere ai legislatori, il filtro internet potrà essere impiegato per bloccare la condivisione di video da parte di terroristi o per zittire opinioni politiche indesiderate. La Spagna ad esempio utilizza un filtro internet per contrastare i siti di gioco d’azzardo illegali, lo stesso filtro che è stato impiegato per tentare di fermare il referendum catalano.

 

In breve: se non agiamo subito, i politici si accorderanno su norme che impatteranno pesantemente sulla libertà di espressione.

 

Cosa puoi fare?

Le prossime settimane sono cruciali! Manda un tweet o una email a chi ti rappresenta nella commissione JURI. Il 20 giugno verrà presa una decisione sui filtri per l’upload. Usa gli hashtag #CensorshipMachine e #filterfail e fai sapere a chi ti rappresenta che sei contro i filtri di upload (articolo 13). I nostri europarlamentari sono:

 

Nome e id Twitter Gruppo politico EU    Partito nazionale
Laura Ferrara (Vice-Chair)

@LFerraraM5S

  EFDD Movimento 5 Stelle (M5S)
Enrico Gasbarra

@enricogasbarra

  S&D Partito Democratico (PD)
Isabella Adinolfi*

@Isa_Adinolfi

  EFDD Movimento 5 Stelle (M5S)
Mario Borghezio*

n/a

  ENF Lega Nord (LN)
Sergio Gaetano Cofferati*

@Cofferati

  S&D
Stefano Maullu*

@stefanomaullu

  EPP Forza Italia (FI)

 

Abbiamo preparato alcuni tweet per ispirarti, ma sentiti libero di scrivere il tuo.

  • [email protected] Difendi la nostra libertà di espressione online. Opponiti alla #censorshipmachine nella #copyright Directive proposal.
  • [email protected] Difendi la nostra privacy online. Opponiti alla #censorshipmachine nella #copyright Directive proposal.
  • [email protected] Fai vedere che hai a cuore la privacy e la libertà di espressione dei cittadini & opponiti alla #censorshipmachine nella #copyright Directive proposal.”
  • [email protected] I filtri internet non funzionano. Opponiti alla #censorshipmachine nella #copyright Directive proposal.